Riceviamo dal sig. Giuseppe Battista, coordinatore delle cooperative PIRP Cerulli, e pubblichiamo:

Qualche settimana fa avevo annunciato la ripresa dei lavori di urbanizzazione del Pirp Cerulli, e come si è potuto notare, sono stati pavimentati buona parte dei marciapiedi ed è stato costipato uno strato di stabilizzato per preparare la bitumazione delle strade che inizierà martedì 17 Aprile.

Con l’asfalto sulle strade, il quartiere assumerà tutto un altro aspetto ed un’altra vivibilità.

Avviso i cooperatori che sono in partenza le lettere di richiesta di versamento della terza rata di oneri di urbanizzazione, per cui chiedo di attivarsi celermente a disporre i relativi bonifici immediatamente dopo la ricezione delle lettere, poiché senza liquidità i lavori si fermano istantaneamente;  ricordo che solo 2 mesi fa la Costrade era in stato di liquidazione, ed  il meccanismo grazie al quale è ripartita si fonda sulla garanzia che dal Pirp vengano liquidati celermente gli stati di avanzamento.

C’è da ricordare che ci sono ben 9 lotti da assegnare e che senza i loro oneri risulterebbe  un ammanco di circa un milione di euro nella copertura finanziaria.

Considerando i tempi necessari per l’espletamento del bando, che comunque non potrà avvenire prima di aver sciolto il nodo Marte-D’Alessandro, siamo già certi che le finiture e gli arredi urbani, nonché l’illuminazione pubblica potrebbero non essere di immediata realizzazione.

Purtroppo si sono già registrati i primi furti in appartamenti da parte di ladri che grazie alla complicità delle tenebre e dell’insediamento ancora poco popolato, hanno potuto far man bassa anche in appartamenti non ancora consegnati portando via ciò che capitava a tiro.

Inoltre vorrei denunciare pubblicamente degli sporcaccioni che si aggirano per il pirp gettando sacchi di immondizia nelle aiuole delle piste ciclabili e fra i lotti da assegnare.

La Costrade ne ha ripuliti un bel po’ di questi sacchi disseminati un po’ ovunque.

Ancora una volta la mancanza di senso civico delle persone è coadiuvata dalla mancanza di controllo sul territorio da parte di polizia municipale e forze dell’ordine, che invece dovrebbero controllare e  reprimere questi fenomeni che hanno reso delle discariche a cielo aperto tutte le strade vicinali e le lottizzazioni in via di realizzazione.

Tornando al completamento del Pirp in senso stretto, ho notato che i candidati alla carica di sindaco delle prossime elezioni, l’hanno tutti menzionato nei loro programmi e questo non può che farci piacere, con la speranza che alle parole e alle promesse seguano i fatti, almeno adesso che il grosso lo abbiamo fatto senza l’aiuto di nessuno.

Con tutto quello che è successo al Pirp dalla seconda metà del 2015 ad oggi, fra amministrazione inesistente ed incapace, commissariamento di oltre un anno, stato di liquidazione dell’esecutrice, problemi di collaudo reti idriche e fognarie, lentocrazia nella forma più alta, se oggi le persone stanno finalmente abitando, non si può che gridare al miracolo per cui dobbiamo solo ringraziare i Santi del paradiso (e anche qualcuno terreno) che ci hanno aiutato quando la situazione in più di un occasione sembrava irrimediabilmente persa.

Giuseppe Battista

******************************************************************************

    NELLE EDICOLE E LIBRERIE DI MOLA………………

Condividi su: