Comunicato stampa

Per disposizione dell’arcivescovo, Mons. Francesco Cacucci, la messa solenne e la consegna delle chiavi alla nostra patrona Maria ss. Addolorata sarà celebrata nella chiesa della Maddalena con la partecipazione dei fedeli regolata secondo le norme anti-covid.

Pertanto volendo favorire la preghiera di tutti i molesi, nelle Parrocchie della città sarà celebrata la messa con i testi liturgici della festa della Madonna Addolorata.

Osservare le regole per la salute di tutti e ciascuno può essere un buon proposito per condividere la festa patronale in modo diverso, ma nel rispetto dell’intera comunità.

Si ringrazia il Comitato della festa patronale per il suo ammirevole e paziente servizio.

La Vergine Addolorata ci protegga e ci accompagni sempre.
Mola di Bari, 3 Settembre 2020
Il parroco
Don Domenico Moro

****

A tal proposito ecco cosa scrive il sindaco Giuseppe Colonna:

In questi giorni si era creato un dibattito, in alcuni casi con toni inaccettabili, sulla scelta di svolgere la celebrazione eucaristica in onore della nostra Patrona Maria SS. Addolorata presso l’Arena Castello. Sappiamo che il Covid-19 sta stravolgendo le nostre abitudini e le nostre tradizioni. Don Mimi Moro ed il Comitato Festa Patronale hanno assunto dal primo istante un atteggiamento prudente finalizzato ad individuare la soluzione logistica possibile per garantire il mantenimento delle nostre secolari tradizioni in piena sicurezza.

Dopo vari confronti con gli Uffici Comunali la situazione ottimale era sembrata quella dell’Arena Castello che consente di ospitare in totale sicurezza oltre 400 persone attraverso un sistema rigido di controllo degli accessi, misuramento della temperatura e distanziamento sociale. Avevamo valutato anche il sagrato di Piazza XX Settembre ma i posti a disposizione sarebbero stati pochissimi, a fronte della necessità di garantire vari aspetti che tanti tralasciano quali la necessità di garantire a mezzi di emergenza il passaggio da via Cesare Battisti , Corso Umberto, Via Bovio e via Van Westerhout assolutamente incompatibile con il posizionamento di sedie. La chiusura a mezzo di orsogrill del solo sagrato non avrebbe garantito il rispetto delle misure di distanziamento sociale all’esterno dello stesso.

Anche in altri comuni la scelta e stata dettata dal buonsenso: a Polignano a Mare, ad esempio, ho partecipato alla messa dedicata al Patrono San Vito nel piazzale vicino il Museo Pino Pascali e non nella piazzetta della Cattedrale, come da tradizione. Rispetto la scelta dell’Arcivescovo di tenere la messa all’interno della chiesa ma non posso non rammaricarmi perché questa scelta penalizzerà tanti molesi che avrebbero voluto assistere alla funzione religiosa. Questo perché come troppo spesso accade si rivolge l’indice contro i pochi, troppo pochi, che in questo paese si rimboccano le maniche. Per questo rivolgo il mio ringraziamento a Vito Lucarelli ed a tutto il Comitato Festa Patronale “Maria SS. Addolorata” Mola di Bari e a Don Mimi Moro, per l’impegno assolutamente volontario che hanno profuso in questi anni e li invito a non demordere.

A tutti, me compreso, rivolgo l’appello ad un maggior rispetto delle scelte assunte da chi ha la responsabilità della nostra sicurezza e ha come unico obiettivo quello di garantire il proseguo delle nostre tradizioni, della nostra storia, ma soprattutto il rispetto di un importante momento di fede e preghiera per la nostra cittadinanza.

Condividi su: