Ultime Notizie

APPROVATO E FINANZIATO IL SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO

7 Luglio 2008 0 Commenti - Articolo letto 566 volte.

Di Mimma Tribuzio

 

Finalmente è vero!  L’Associazione “Insieme” ha ottenuto il finanziamento per poter  svolgere da ottobre prossimo il Servizio Civile Volontario presso il nostro Centro, dopo l’approvazione del progetto “Insieme è meglio ‘08”.

Siamo molto soddisfatti, dopo la delusione dello scorso anno, allorquando avevamo ottenuto l’approvazione, ma erano stati finanziati i progetti che avevano ottenuto un solo punto in più rispetto al nostro.

Le nuove risorse umane di cui abbiamo sempre bisogno, visto il gran numero di utenti diversamente abili da seguire, saranno da noi selezionati ed avviati al Servizio civile volontario, retribuite con una somma cospicua pari a 433 euro, che, con la crisi in ambito lavorativo,  può rappresentare una buona opportunità per ragazzi e ragazze di età compresa fra i 18 ed i 28 anni ed una validissima esperienza  della durata di 12 mesi, da inserire nel proprio curriculum e valutabile con crediti formativi universitari.

Essendo l’ambito molto delicato in cui il Servizio verrà svolto, riteniamo essenziale che nella selezione delle nuove reclute si debba dare priorità a quanti avranno passato un periodo di vero volontariato in Sede, per conoscere realmente da vicino le problematiche esistenti nella nostra Associazione.

La gamma di attività divertenti e gratificanti non solo per gli utenti, ma anche per i volontari che si avvicinano con dedizione ed amore ad un  prossimo più debole, si possono visionare nel progetto che è possibile scaricare dal nostro sito www.assinsieme.it.

Per informazioni telefonare ai seguente numero telefonico 3283853168.

SS. MESSE FESTIVE (LUGLIO-AGOSTO)

7 Luglio 2008 0 Commenti - Articolo letto 661 volte.

MATRICE S. NICOLA*

Ore 18,30 – 20,00

SS. ROSARIO*

Ore 8,00–20,00

S. MARIA DI LORETO*

Ore 8,00 – 19,00

SS. TRINITA’*

Ore 8,30 – 10,30 – 19,30

SACRO CUORE*

Ore 8,30 – 10,00 – 19,30

MONASTERO S. CHIARA

Ore 7,00

PURIFICAZIONE

Ore 8,00

S. ANTONIO

Ore 8,00

S. MARIA MADDALENA

Ore 9,00

S. GIOVANNI

Ore 18,00 (Festiva del Sabato)

S. UGO (Cozze)

Ore 20,00 (Festiva del Sabato)

*Nelle Parrocchie la Messa pre-festiva si

celebra alle ore 19,00. Solo alla SS. Trinità e al SS. Rosario

alle ore 19,30.

MOLA SU WIKIPEDIA

7 Luglio 2008 0 Commenti - Articolo letto 2.613 volte.

Di Giovanni Miccolis

L’autore sconosciuto che ha inserito la voce “Mola di Bari” nell’enciclopedia on-line Wikipedia ha reso giustizia a Giuseppe de Santis. Grazie al sito di Città Nostra, la nostra rivista viene letta in tutto il mondo!
Questo l’elenco dei personaggi riportati:
Cesare Sportelli (Mola di Bari, 1701, Pagani, 1750), religioso della congregazione del Santissimo Redentore, tra i più stretti collaboratori del fondatore Sant’Alfonso Maria de’ Liguori di cui fu il primo novizio. È ritenuto venerabile dalla Chiesa cattolica, che ha aperto la sua causa di beatificazione nel 1893.
Giuseppe De Santis (Mola di Bari, 1855-1925), avvocato e storico. A lungo direttore della biblioteca nazionale Sagarriga Visconti Volpi di Bari, fu autore dei “Ricordi storici di Mola di Bari” (Napoli, 1880) che per rigore metodologico gli valsero, tra gli altri, gli apprezzamenti di Theodor Mommsen.[2].
Niccolò van Westerhout (Mola di Bari, 1857 – Napoli, 1898), musicista e compositore, nato da una famiglia di origine fiamminga trasferitasi in Puglia agli inizi del XVIII secolo. Dopo gli studi a Napoli, si affermò come compositore e lasciò un’ampia produzione nonostrante la sua prematura scomparsa. La sua opera più importante è il dramma lirico Doña Flor, su libretto di Arturo Colautti, rappresentato per la prima volta il 18 aprile 1896 presso il Teatro Comunale di Mola, con l’orchestra del Teatro San Carlo di Napoli. Nel febbraio 2007, le sue spoglie sono state traslate da Napoli al cimitero comunale di Mola di Bari.
Piero Delfino Pesce (Mola di Bari, 1874-1939), intellettuale e politico. Accompagnò la sua attività di saggista e giornalista con l’impegno politico all’interno del Partito Repubblicano, di cui fu tra i massimi dirigenti pugliesi fino all’avvento del fascismo e allo scioglimento dei partiti. Successivamente si dedicò al teatro e alla pittura. A lui si deve la fondazione delle riviste Aspasia (1899) e Humanitas (1911).
Giuseppe Di Vagno (Conversano 1889 – Mola di Bari, 1921), deputato socialista, ucciso da una squadra fascista dopo un comizio a Mola.
Araldo di Crollalanza (Bari, 1892 – Roma, 1986), molese per parte di madre, fu tra i fondatori del Partito_Nazionale_Fascista, ministro dei Lavori Pubblici nel governo Mussolini e, dopo l’avvento della Repubblica, senatore del MSI dal 1953 alla morte.
Onofrio Martinelli (Mola di Bari, 1900 – Firenze, 1966), pittore. Dopo gli studi classici a Firenze, raggiunse Parigi nel 1925, legandosi a Filippo de Pisis e Giorgio De Chirico. Tornato in Italia, si trasferì a Firenze dove ottenne una cattedra all’Accademia di Belle Arti. Accanto all’attività di pittore, che lo vide partecipare a numerose esposizioni (Biennale di Venezia, Quadriennale di Roma), si dedicò attivamente anche all’organizzazione di mostre. Sposò Adriana Pincherle, sorella di Alberto Moravia.
Eduardo De Filippo (Napoli 1900 – Roma, 1984), commediografo, attore e regista italiano. Dal 1973 diresse il Teatro Van Westerhout di Mola, città della quale fu nominato cittadino onorario.
Bruno Calvani (Mola di Bari, 1904 – Milano, 1985), scultore, attivo tra l’Italia e Parigi.
Pietro Di Giorgio in arte Don Pedro, (Mola di Bari 1923-2007), pittore e progettista di spazi architettonici: emigrato in giovane età in Venezuela collaborò a lungo con gli architetti Carlos Raul Villanueva e Feliz Candela. Tornò quindi in Italia dove intraprese anche la carriera di pittore. La sua opera, oggetto di mostre in diversi Paesi europei e negli Stati Uniti, riflette una grande vastità d’interessi, dall’antropologia alla psicanalisi, dall’urbanistica alla filosofia. I suoi articoli, inoltre, sono apparsi nelle maggiori riviste d’urbanistica.
Cecilia Mangini (Mola di Bari, 1929), regista e documentarista.
Vito Tanzi (Mola di Bari, 1935), economista, già direttore del Dipartimento di Finanza Pubblica del Fondo Monetario Internazionale dal 1981 al 2000 e sottosegretario all’Economia e alle Finanze da giugno 2001 a giugno 2003.
Enzo Del Re (nato a Mola di Bari), cantastorie, autore del brano Lavorare con lentezza che ha dato il nome all’omonimo film di Guido Chiesa.
Domenico Padovano (Mola di Bari, 1940), vescovo cattolico della Diocesi di Conversano-Monopoli.
Felice Laudadio (Mola di Bari, 1944), giornalista e produttore cinematografico, già direttore del Festival del Cinema di Venezia e fondatore della Casa del Cinema di Roma.
Francesco Laudadio (Mola di Bari, 1950 – Bologna, 2005), regista cinematografico e televisivo.

TURNO FARMACIE

7 Luglio 2008 0 Commenti - Articolo letto 643 volte.

 

6 – 12 Luglio

Dr. Federico Lozupone

Corso Umberto, 31  tel. 0804741074

13-19 Luglio

Dr. Vittorio Spiga

Piazza degli Eroi, 23  Tel. 0804741342

20 -26 Luglio

Dr. Maria Rosaria Partipilo

Via De Gasperi, 152  tel. 0804745020

27 Luglio – 2 Agosto

Dr. Roberto Carrata

Via Bovio, 48  tel. 0804741092

3 – 9 Agosto

Dr. Antonia Mangiolino

Via C. Battisti, 155  tel. 0804743091

10 -16 Agosto

Dr. Vincenzo Fornari

Via E. De Nicola, 108  tel. 0804743213

17 – 23 Agosto

Dr. Nicola Di Zonno

Via S. Spaventa, 66 tel. 0804741665 

24 – 30 Agosto

Dr. Federico Lozupone

Corso Umberto, 31  tel. 0804741074

31 Agosto – 6 Settembre

Dr. Vittorio Spiga

Piazza degli Eroi, 23  Tel. 0804741342

SALVIAMO ALESSANDRO

6 Luglio 2008 0 Commenti - Articolo letto 623 volte.

Uno di noi potrebbe salvare la vita ad Alessandro, un giovane medico di Bari affetto da leucemia acuta, che sta lottando contro il tempo. 

I familiari sono alla ricerca disperata di un donatore compatibile.
E’richiesto un gesto di solidarietà. La donazione di midollo, nel 90% dei casi, si effettua come una semplice trasfusione di sangue, con una macchina per selezionare le cellule staminali dal sangue.

Per ricevere il trapianto, Alessandro si sta sottoponendo a una chemioterapia molto aggressiva, che potrebbe anche complicare la situazione, poiché distrugge tutte le cellule, anche quelle sane e lo rende fragilissimo. Da settimane è in isolamento, in una camera sterile.

Purtroppo, fino a questo momento, non è stato trovato alcun donatore compatibile. Ma Alessandro non vuole arrendersi. Per darsi forza, pensa costantemente al figlio che nascerà ad agosto.

Per maggiori informazioni, contattare Marilù (333/9166910; 080/5034319; maril.glorioso@libero.it).

LETTERA AMMINISTRAZIONE SCUOLA ARIANNA 2008

3 Luglio 2008 0 Commenti - Articolo letto 622 volte.

Spett.le Sindaco di Mola di Bari,

 

Nel Maggio 2008, con quasi un mese di anticipo è stata chiusa la Scuola Materna “ARIANNA” di Via Massimeo dai vigili del fuoco per inagibilità, nell’occasione il suo assessore Sig. Vitantonio Bellantuono, s’impegnava nell’attivare subito la gara d’appalto, che avrebbe assicurato alla ripresa delle attività scolastiche, la messa in sicurezza dell’edificio.

In realtà nulla di questo è stato fatto!

Siamo ai primi di Luglio senza che nulla sia stato avviato, infatti durante un consiglio di circolo avvenuto presso la Scuola  M. Montessori in presenza di alcuni genitori degli alunni dell’ Arianna ed alcuni componenti del Comitato di quartiere SS.Trinità, l’assessore nonostante aveva promesso delle risposte entro la data di detto consiglio, non e’ stato in grado di dare risposte in merito , tantomeno date certe per eventuali appalti nonché delle tempistiche di intervento.

In realtà la scuola materna “ Arianna” è ad un bivio tra rimanere aperta ed essere chiusa.

Si! Sig. Sindaco il nostro quartiere rischia di perdere un’importante servizio e riferimento didattico.

Infatti se entro questo mese l’amministrazione  comunale non dà delle certezze sulla sede della scuola materna il Direttore Didattico di circolo deve darne comunicazioni agli organi preposti, ove potrebbero sciogliere il nucleo didattico e trasferire in altre sedi le insegnanti con conseguente dissolvimento della nostra scuola materna “Arianna”, a cui teniamo a ricordarle anche essere sede elettorale e che non più lontano di Ottobre si svolgerà le elezioni referendarie.

.Ancora una volta il nostro quartiere viene dimenticato da questa amministrazione, visto che dopo circa due mesi dall’accaduto nulla è stato fatto per dare una sede agibile alla scuola materna, oggi si parla ancora di appalto, ma lei signor  Sindaco è perfettamente al corrente che i tempi tra appalto e lavori rischiano di non esserci tenendo conto anche di ferie estive di dipendenti comunali ed aziende edili.

Come tale vi chiediamo, come comitato di quartiere SS.Trinità di verificare i presupposti per effettuare una licitazione privata per somma urgenza, ed attivarvi nonchè coordinarvi con il Direttore di Circolo assicurando al nostro quartiere che la scuola rimanga; diversamente via Massimeo, rischia di diventare un cimitero degli elefanti, visto che già conta su una struttura chiusa per inagibilità come l’ex-Girasole e lasciata in stato di abbandono, da oggi la scuola materna Arianna senza dimenticare lo stato in cui versano i Giardini di Don Pedro, non curati ed ancora con grossi problemi di sicurezza.

Confidiamo in un fervido intervento dell’Amministrazione ed attendiamo risposte in merito.

Distinti saluti.

Il Presidente del Comitato di Quartiere SS.Trinità                                                                                                                  Matteo Ranieri

 

AL VIA LA LUDOTECA ESTIVA

3 Luglio 2008 0 Commenti - Articolo letto 618 volte.

 

Da martedì 1 luglio fino a giovedì 14 agosto, torna a Mola “L’isola che c’è”, il servizio di ludoteca estiva organizzato dall’Assessorato ai servizi sociali del Comune in collaborazione con le Cooperative del piano sociale di zona e l’Associazione Athena 2000.

La ludoteca avrà sede presso il Centro Famiglie di via Massimeo, presso il parco Don Pedro e sarà attiva dal lunedì al venerdì la mattina dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e il pomeriggio dalle ore 17.00 alle ore 20.00.

L’iscrizione è gratuita per i bambini di età compresa tra i cinque e i dodici anni.

Le iscrizioni resteranno aperte fino a giovedì 10 luglio fino ad esaurimento posti, i moduli per l’iscrizione (compilazione a cura dei genitori) sono disponibili presso gli uffici del settore socio-culturale del Comune di Mola (sesto piano del municipio) o presso il Centro Famiglia.

Gli operatori sono a disposizione per tutte le informazioni.

Molte e varie le attività previste nelle sei settimane di apertura della ludoteca, tra queste un laboratorio di danza creativa, un laboratorio di teatro per ragazzi, tanto sport (dal calcio al basket, dal volley ai giochi in acqua), e un fitto programma di eventi speciali. 

Dal 7 luglio al 7 agosto, previste attività anche sulla spiaggia.

“Con grande soddisfazione – ha detto l’Assessore ai Servizi Sociali Franco Battista – anche quest’anno il Comune riesce ad attivare un programma ludico- formativo per i piccoli molesi. Ringrazio i responsabili dell’ufficio socio culturale del Comune grazie al cui lavoro è stato possibile realizzare questo bellissimo progetto.”

Per informazione rivolgersi al settore Socio–Culturale del Comune: 0804738605, 0804738606, 0804738608.

 

 

 

GUARDIA MEDICA A COZZE

3 Luglio 2008 0 Commenti - Articolo letto 671 volte.

Buone notizie per i molesi di Cozze e per i turisti che questa estate trascorreranno le vacanze nella frazione molese.

Nei giorni scorsi infatti, la ASL Bari, ha informato il Sindaco Nico Berlen che, a partire da martedì 1 luglio il Distretto Socio Sanitario 6 della ASL Bari ha attivato il servizio di assistenza sanitaria presso la frazione di Cozze.

Questo provvedimento, inizialmente non previsto dalla ASL, è stato assunto su esplicita sollecitazione dell’Amministrazione Comunale.

“E’ una notizia per niente scontata– ha commentato il Sindaco Nico Berlen – e dunque ancor più gradita. Ringrazio il Direttore Generale della ASL Bari D.ssa Casentino e il Direttore del Distretto Socio Sanitario numero 6 D.ssa Tateo per avere risposto positivamente alle sollecitazioni dell’Amministrazione nonostante i seri problemi di organico di questo periodo.”

 

 

 

TORNA A MOLA “MARE SICURO”:

3 Luglio 2008 0 Commenti - Articolo letto 1.265 volte.

Forte del buon riscontro ottenuto tra cittadini e turisti negli anni scorsi, torna anche per il 2008 “Mare sicuro”, il programma per la sicurezza di coste e mare realizzato dal Comune e dalla Capitaneria di porto.

 

Anche quest’anno la Guardia Costiera sorveglierà i lidi e le spiagge più affollate di Mola in particolare nelle ore di maggior affollamento.

Il lavoro di sorveglianza e soccorso verrà realizzato tramite l’impiego di motovedette, battelli veloci per il salvataggio e pattuglie terrestri per sorvegliare al meglio il litorale.

 

Per l’intera stagione estiva sarà attivato il numero diretto 1530, il cosiddetto Numero Blu gratuito per l’emergenza in mare.

 

 

CITTA’ NOSTRA: NUMERO SPECIALE

25 Giugno 2008 0 Commenti - Articolo letto 1.204 volte.

Sarà in edicola il prossimo 4 Luglio il numero speciale di “Città Nostra”. Si tratta del numero doppio Luglio-Agosto. Tanti e interessanti gli argomenti trattati con particolare attenzione all’energia e all’ambiente. Ma anche politica, sport, attualità, storia, ecc.. Troverete nei prossimi giorni ampie anticipazioni su questo sito. Anche con il prossimo numero, sarà possibile acquistare la “Guida Mola” al prezzo speciale di 3 euro (Città Nostra+Guida Mola).

DAL 28 LUGLIO EXPOMOLA 2008

25 Giugno 2008 0 Commenti - Articolo letto 565 volte.

Dal 28 Giugno al 6 Luglio si svolge a Mola, in piazza XX settembre, la fiera campionaria “ExpoMola”, organizzata dall’Associazione Autonoma Artigiani. Agricoltura, artigianato, commercio, arredamento, edilizia: il meglio dell’imprenditoria locale in numerosi stando espositivi allestiti nella magnifica piazza di Mola. Per l’occasione, il 4 Luglio, per la prima volta si svolgerà a Mola una selezione di “Miss Italia”. Sarà eletta anche “Miss ExpoMola”, che parteciperà alle fasi successive. E’ questa la decima edizione della manifestazione promossa dagli Artigiani molesi, guidati dal dinamico Franco Pappadopoli.

PISTA CICLABILE E STRISCE PEDONALI

25 Giugno 2008 0 Commenti - Articolo letto 550 volte.

L’assurdo progetto di pista ciclabile realizzato in via Delfino Pesce ha già prodotto la prima vittima: una donna in bici è stata travolta da un’auto ad uno dei molteplici incroci. La donna è stata ricoverata al Policlinico, dove le hanno diagnosticato ferite ed abrasioni. In effetti quella pista dimostra ora, anche praticamente, tutta la sua pericolosità. Immaginate cosa accadrebbe se venisse percorsa da bambini in bicicletta….

Altro incidente: un bimbo di 6 anni è stato investito da un’auto all’incrocio tra via De Gasperi e corso Italia. E’ stato ricoverato in prognosi riservata al Di Venere.

Stranamente quell’incrocio, da sempre pericoloso per l’alto volume di traffico, è privo di strisce pedonali. Eppure di recente, in tutti gli incroci di via De Gasperi era stata rifatta la segnaletica orizzontale: forse era finita la pittura…!

Incredibile, ma vero

RIFONDAZIONE A CONGRESSO

20 Giugno 2008 0 Commenti - Articolo letto 578 volte.

Il 21 ed il 22 Giugno si svolgerà il Congresso del Circolo locale di Rifondazione Comunista.
Nello specifico il 21 Giugno, dalle ore 16.30 nella Sala consiliare (via De Gasperi n. 137), si terrà
l’apertura “pubblica” della fase congressuale.

Negli ultimi decenni, ma soprattutto nell’ultimo periodo, abbiamo visto crescere il distacco tra
il Sociale ed il Politico (tra “agorà” ed “ecclesia”, come venivano definite nella Grecia antica) che
non ha investito solo le forme dell’appartenenza politica e dell’attivismo sociale, ma ha anche
destrutturato i legami di Solidarietà sociale che prima definivano e determinavano le nostre
Comunità, oggi invece dilaniate dalla Paura e dalla insicurezza che si traduce in xenofobia, egoismo
e, sempre più spesso, in drammatica Violenza.

Noi, da Sinistra, rintracciamo le motivazioni di questa dinamica degenerativa nel primato che
l’Economia ha maturato sulla Società. La riduzione del Cittadino a semplice utente-consumatore
(approccio che porta alla privatizzazione dei Servizi pubblici, alla distruzione del Contratto
Collettivo Nazionale del Lavoro, alla discriminazione del Reddito…), ha brutalmente trasformato i
rapporti sociali, le Comunità ed addirittura le forme dello stare_insieme.

Oggi più di ieri bisognerebbe cambiare innanzitutto se stessi, per cambiare quello che ci
sta intorno.

In questa fase di reflusso sempre più ampio ed evidente dei meccanismi intermedi della
rappresentanza Politica (nello specifico il “sistema dei Partiti”) l’Associazionismo (di ogni tipo) ha
rappresentato una sorta di Welfare dell’attivismo, una Rete di protezione capace di salvaguardare le
Pratiche e l’agire politico della Solidarietà che altrimenti si sarebbe totalmente perso.

Si pongono quindi con evidenza e necessità i temi del Territorio e della Solidarietà come
questioni principali della nostra Esistenza nella Società. Il Territorio come elemento dove
svolgiamo quotidianamente il nostro attivismo, nelle declinazioni che ognuno ritiene legittimamente
più idonee. La Solidarietà come nuova “Narrazione” da costruire e da proporre come costituente di
mutualismo sociale. Per questo motivo sono importanti gli obiettivi pratici, immediati e concreti
come può esserlo un gruppo di acquisto solidale, un corso di alfabetizzazione, un dopo-Scuola
popolare, un Mercatino per lo Scambio dei libri usati ed altre Esperienze di “fare Società”.

È la Rivoluzione che abbiamo in mente. Una Rivoluzione dove l’arma è la Parola e la forza è
la non-Violenza. Una Rivoluzione delle Relazioni sociali, per trovare nel Territorio una risorsa
innanzitutto sociale. Un riferimento, una Comunità. La Rivoluzione del “fare”, dell’Organizzare
mutualità. Problematicizziamo, quindi, anche la nostra Storia politica. L’Essenza profonda della
nostra appartenenza. La divisione tra Classi non può più essere ridotta allo scontro infinito tra
Proletariato e Borghesia, la “Lotta di Classe” del nostro immaginario politico non si presenta più
come nel 1848 (data di pubblicazione del Manifesto del Partito Comunista). Lo stesso Conflitto tra
Capitale e Lavoro, pur essendo ancora presente ed evidentemente pesante (basta considerare lo
“scarto” abissale del Reddito tra un manager di un’Azienda e l’operaio che vi Lavora oppure le
disuguaglianze con i “nuovi Poveri” in aumento costante) non può non essere riconsiderato,
probabilmente in una dimensione più “territoriale” come Conflitto tra chi dall’alto vuole “imporre”
delle azioni mentre, dal basso, c’è una Comunità che si auto-organizza e si propone creativamente
come guida di se stessa (basti pensare a quanto è successo con l’Impianto di produzione di CDR
in Contrada Martucci).

Il “politicismo”, quella tendenza del partitismo a ridurre tutto a se stesso, ad utilizzare ogni
elemento (anche i più progressisti) per il proprio personale avanzamento, ha distrutto innanzitutto la
fiducia. Ha diviso. Ha diffuso il sospetto, la diffidenza ed il distacco anche dove non avrebbero
senso. Qualche volta ha “contagiato” anche l’Associazionismo che, spesso, diventa anch’esso
corporativo ed autoreferenziale. Socialmente inutile.

Tutto questo chiede di essere superato. Chiede di farsi “Rete”, di praticare l’Obiettivo per
produrre un avanzamento collettivo e non individuale e personalistico.

Il senso del Congresso di Rifondazione Comunista, a Mola di Bari, sta tutto in questa
Speranza. Potrebbe servire innanzitutto a mettersi a disposizione. Per provare a creare un percorso
collettivo, una “Campagna sociale” diffusa e presente per comprendere quali sono i Bisogni della
Comunità e costruire risposte attraverso la “Pratica dell’Obiettivo”.

Creando una Rete dove ogni nodo non si confonde con l’altro ma ne diventa parte essenziale
per mantenere e produrre, appunto, un altro Sogno.

Rifondazione Comunista